IOL – COMUNICATO INCONTRO 14 DICEMBRE 2016

COMUNICATO ITALIAONLINE

Il 14 dicembre a Roma presso il MISE – Ministero dello Sviluppo Economico – alla presenza dei responsabili della unità di crisi del MISE dott. Castano Giampietro e Avv. Porcaro Michela, l’ipotesi di accordo sottoscritta il 2 dicembre con ITALIAONLINE, presso l’Unione industriali di Torino, è stata tramutata in accordo ed accompagnata da un verbale ministeriale.
In una seconda fase è stato definito con l’azienda anche l’ulteriore accordo per attutire l’impatto economico derivante dalla sospensione in CIGS a zero ore e contestualmente ricevuto un impegno scritto dell’azienda per valutare delle soluzioni per gestire i part-time, che in base a precedenti accordi, sono sospesi in CIGS a zero ore.
E’ stata una trattativa lunga, sofferta e per alcuni aspetti spigolosa che partita da settembre scorso si è conclusa dopo circa 4 mesi. Le lavoratrici ed i lavoratori di ITALIAONLINE hanno significativamente partecipato alle assemblee, svolte in tutte le sedi di IOL, per illustrare l’articolata ipotesi di accordo e mettere in votazione la potenziale intesa.
La consultazione ha inequivocabilmente espresso il consenso a procedere alla definizione dell’accordo con 631 SI, 117 NO, 29 astenuti, 2 nulle.
Adesso i vertici dell’azienda devono dimostrare le loro capacità manageriali insieme al gruppo dirigente per articolare e sviluppare positivamente quel piano industriale, sfidante ed estremamente complesso, che l’azionista di riferimento vuole attuare.
Non ci sono più attenuanti di alcun genere per la “Governance aziendale”, vincere la sfida con il mercato è ora la dinamica primaria per dare una reale sostenibilità al GRUPPO IOL!
Obiettivo che le strutture sindacali nazionali auspicano vincente per non depauperare uno sforzo immenso e per molti dolorosissimo che le lavoratrici ed i lavoratori hanno accettato di fare. E’ necessario arrivare a giugno del 2018 con una condizione che abbia degli scenari positivi e quindi di ben altra natura rispetto a quelli attuali con cui abbiamo dovuto confrontarci.
Se l’azienda, nell’arco di piano avrà la capacità di gestire fattivamente l’integrazione delle due aziende ed i suoi processi organizzativi aumentando significativamente i ricavi, ci aspettiamo che i numeri della CIGS e delle professionalità da riconvertire e riqualificare, previste negli accordi, possano essere rivisti.
Dietro ai numeri ci sono persone e famiglie!!
La nuova RSU, neo eletta e totalmente legittimata dal voto congiuntamente con le strutture territoriali avrà il compito di confrontarsi costantemente con le relazioni industriali per interagire e monitorare, nelle rispettive sedi di appartenenza, le dinamiche degli accordi in essere.
Per quanto riguarda le strutture nazionali sindacali SLC CGIL – FISTEL CISL – UILCOM UIL proseguiranno puntualmente a monitorare le dinamiche complessive del Gruppo IOL ed a svolgere gli impegni già definiti: il 18 gennaio pv. avvio del confronto con l’azienda sulle armonizzazioni dei trattamenti contrattuali in essere e nel primo trimestre 2017 una verifica sull’andamento aziendale con l’Amministratore Delegato.
E’ altresì chiaro che, avendo sottoscritto un accordo in ambito governativo, qualsiasi eventuale problematica possa insorgere nella applicazione della intesa, il MISE tramite la sua Unità di Crisi, alla quale rinnoviamo i ringraziamenti per l’importante opera di mediazione svolta, verrà urgentemente coinvolta.

Roma, 16 dicembre 2016

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL – FISTEL CISL – UILCOM UIL